Luoghi tutti da scoprire: Abbazia di Follina

Scritto da Primavera del Prosecco
il giorno 08 giugno 2017


Luoghi incantati, scorci suggestivi, vaso traboccante di cultura. Sono parole che non bastano per descrivere la maestosità, la bellezza e l’arte dell’Abbazia di Follina che spicca in primo piano nel quadro naturale delle colline del Conegliano Valdobbiadene. Con i suoi nove e più secoli di vita affascina ogni anno migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo che vogliono visitare “uno dei borghi più belli d’Italia”.

Sorta dove un tempo si ergeva un monastero benedettino, l’Abbazia cistercense vanta un patrimonio artistico e architettonico di grande rilevanza, a partire dal chiostro, cuore della vita dei monaci e delle funzioni ecclesiastiche. Numerose colonne diverse l’una dall’altra fanno da contorno ad un cortile nel quale quattro “vie” affiancate da aiuole fiorite portano alla fontana centrale.

Elemento importante è il campanile che massiccio e imponente si erge sul paese intero per scandire le ore che passano inesorabilmente:

Passa il tempo sopra il tempo

ma non devi avere paura,

sembra correre come il vento

però il tempo non ha premura.

-Fabrizio De Andrè-

 

Per gli appassionati di architettura ecco una breve descrizione tecnica:

Innanzitutto la pianta dell’Abbazia è a croce latina a tre navate suddivise da due file di colonne reggenti archi a sesto acuto che portano all’altare.

Analizzando l’esterno, due lesene suddividono la facciata in tre parti, permettendo all’occhio di individuare la struttura interna delle navate. Al centro un grande rosone formato da motivi floreali stilizzati permette alla fioca luca di entrare. L’accesso all’edificio è possibile grazie al portale principale, sormontato da una lunetta raffigurante la Madonna con il bambino e due Santi, e a due portali più piccoli ai lati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *